Assogestioni
 

Il riscatto

In caso di perdita dei requisiti di partecipazione, in alternativa al trasferimento, il soggetto iscritto è libero di chiedere (in base a determinate condizioni) il riscatto della posizione individuale accumulata o la conservazione della posizione individuale accantonata presso il fondo, anche in assenza di contribuzione.

Il riscatto può essere parziale (fino al 50% della posizione maturata) nel caso in cui il periodo di disoccupazione conseguente alla cessazione dell'attività lavorativa sia compreso tra 12 e 48 mesi o in caso di ricorso da parte del datore di lavoro a procedure di mobilità, cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria.
In alternativa, la posizione può essere riscattata totalmente se il periodo di disoccupazione è superiore a 48 mesi o in caso di invalidità permanente grave (cioè con un calo della capacità di lavoro a meno di un terzo).

Il riscatto è possibile anche, in caso di perdita dei requisiti di partecipazione, in linea con le causali eventualmente previste dagli statuti e dai regolamenti, anche sulla base delle previsioni della contrattazione collettiva.

Nell'ipotesi di decesso dell'aderente prima della maturazione del diritto alla prestazione pensionistica, l'intera posizione individuale maturata è versata agli eredi o alle altre persone indicate dall'iscritto. In loro assenza, la posizione viene assorbita dal fondo o, in caso di forme pensionistiche individuali, è devoluta a finalità sociali (secondo quanto dettato dal Ministero del lavoro e della previdenza sociale).

 

 

Mappa