Assogestioni
 

Le autorità di vigilanza

Al fine di tutelare gli aderenti e garantire un corretto funzionamento del mercato, il settore della previdenza complementare è sottoposto al controllo di una molteplicità di organi di vigilanza, ciascuno con competenze differenti.

La Commissione di vigilanza sui fondi pensione (COVIP), è l'autorità amministrativa che ha il compito di vigilare sul funzionamento dei fondi pensione complementari. Nell'esercizio delle sue funzioni, la COVIP:
- autorizza l'esercizio dell'attività dei fondi pensione;
- approva gli statuti e i regolamenti dei fondi, nonché le relative modifiche;
- autorizza le convenzioni per la gestione delle risorse dei fondi con gli intermediari abilitati;
- valuta l'attuazione dei principi di trasparenza nei rapporti con i partecipanti ai fondi;
- esercita il controllo sulla gestione tecnica, finanziaria, patrimoniale e contabile dei fondi, anche mediante ispezioni;
- programma e organizza ricerche e rilevazioni nel settore della previdenza complementare anche in rapporto a quella di base;
- pubblica e diffonde informazioni utili alla conoscenza della previdenza complementare.

La banca depositaria, l'istituto di credito presso il quale è custodito il patrimonio del fondo, accerta la legittimità di alcune operazioni svolte dal fondo, denunciando eventuali irregolarità alle autorità competenti.

I gestori sono soggetti inoltre al controllo della Banca d'Italia, della CONSOB e dell'ISVAP, a seconda che si tratti di istituti di credito, società di intermediazione mobiliare (SIM), società di gestione del risparmio (SGR) o compagnie di assicurazione.

 

Mappa