Assogestioni
 

L'ipotesi di mercato efficiente

L'influenza dell'informazione sull'efficienza del mercato finanziario

Le fluttuazioni dei prezzi sono associate alle nuove informazioni che giungono al mercato. Non è quindi sorprendente che la definizione di efficienza del mercato sia strettamente legata alla qualità ed alla quantità dell'informazione disponibile. Un mercato si dice efficiente quando i "prezzi vengono correttamente determinati" tenendo conto di tutta l'informazione disponibile. Si distingue tra efficienza in senso debole se l'informazione fa solo riferimento alla storia dei prezzi passati, efficienza in senso semi-forte se si tiene conto anche dell'informazione pubblicamente disponibile, e di efficienza forte se si considera tutta l'informazione disponibile, inclusa quella privatamente disponibile a sottogruppi di individui (ad esempio i manager delle aziende quotate).

Che cosa si intende esattamente con la specificazione "prezzi correttamente determinati"? Si intende dire che il livello di prezzo è fissato tenendo conto delle aspettative future dei prezzi e dei dividendi pagati dal titolo, scontati mediante un tasso che incorpora il tasso senza rischio e il premio al rischio. Si può anche dire che il prezzo è fissato tenendo conto delle aspettative sulla dinamica di tutte le variabili fondamentali per un orizzonte molto lungo di tempo.

L'efficienza del mercato è un concetto di grande importanza, con importanti conseguenze sulla validità di vari modi di comportamento. Ad esempio, in un mercato efficiente i prezzi già incorporano l'informazione disponibile e quindi non si può sperare di ottenere sistematicamente rendimenti più elevati senza sopportare dosi maggiori di rischio. Inoltre, in un mercato efficiente i titoli finanziari che vengono emessi dalle imprese per acquisire fonti di finanziamento presentano valutazioni legate alle potenzialità di profitto delle imprese stesse, e così via. In poche parole, l'efficienza dei mercati finanziari ha implicazioni rilevanti per le attività di gestione dei portafogli e per le stesse attività di investimento. Avere mercati efficienti è quindi una condizione necessaria per avere un sistema economico ben funzionante.

Nel caso realistico in cui si ipotizza che i mercati finanziari sono popolati non solo da individui razionali che guardano ai fondamentali ma anche da individui con altre caratteristiche (ad esempio con un orizzonte temporale di breve periodo e/o affetti da bias comportamentali), si può presumere che i prezzi, anche in un mercato efficiente, non riflettano esattamente le attese sui fondamentali in ogni momento. I prezzi possono deviare dai valori per certi periodi, anche se tendono a gravitare verso i valori. Le fluttuazioni dei prezzi attorno ai valori corretti è, come scoperto da Grossman e Stiglitz, proprio una condizione necessaria per incentivare gli investitori razionali ad acquisire l'informazione. Se infatti i prezzi fossero sempre esattamente al valore corretto, si presenterebbe un paradosso dell'informazione: i prezzi rifletterebbero l'informazione disponibile, ma nessuno avrebbe interesse a raccogliere l'informazione perché non ci sarebbe modo di trarre profitto da essa.

Come si vede le implicazioni teoriche del concetto di efficienza sono rilevanti, ma difficilmente quantificabili. Infatti non esiste un modo univoco di misurare le aspettative sui fondamentali; inoltre, non esiste un modello che è in grado di spiegare con esattezza il premio al rischio. Qualsiasi segnale di inefficienza proveniente da un certo modello potrebbe quindi essere dovuto in realtà ad una imprecisione dello stesso nel descrivere il premio al rischio. Infine, non esiste un modo univoco di capire quale è la fascia di oscillazione dei prezzi attorno ai valori fondamentali che è compatibile con il mantenimento dei giusti incentivi per l'acquisizione dell'informazione.
Si noti che la discussione precedente non ha menzionato l'efficienza intesa nel senso tecnologico di rapidità nella propagazione dell'informazione. Da questo punto di vista non c'è dubbio che i mercati finanziari diventano sempre più efficienti. Internet consente a tutti di avere una quantità enorme di informazione in tempo reale. I nuovi sistemi di contrattazione consentono a chiunque di acquistare e vendere titoli in pochi secondi. Come conseguenza, i prezzi delle azioni e delle obbligazioni reagiscono alle informazioni nel giro di pochi minuti.

 

Mappa