Assogestioni
 

Opzioni

Un'opzione consiste nel diritto di comprare o vendere nel futuro una determinata attività finanziaria, a un prezzo definito

L’opzione è uno strumento finanziario derivato con il quale il sottoscrittore ottiene il diritto (ma non l’obbligo) ad acquistare (call) o vendere (put) un'attività finanziaria a un prezzo dato (prezzo di esercizio o strike price), entro una data futura o a date prefissate entro la data di esercizio.

La controparte, a fronte del premio che incassa, ha l'obbligo di eseguire la prestazione oggetto del contratto, se l'acquirente decide di esercitare l'opzione. Se l'acquirente esercita l'opzione, lo scambio avviene al prezzo di esercizio, indipendentemente dal prezzo corrente (spot price) dell'attività scambiata.
L'opzione call ha valore monetario positivo se il prezzo corrente (spot) dell'attività sottostante è maggiore dello strike price. L'opzione put ha valore monetario positivo solo se lo spot price dell'attività sottostante è inferiore allo strike price. Un'opzione può essere “in the money” se ha valore intrinseco positivo o “at the money o out of the money” se ha valore intrinseco negativo.

Le opzioni, in virtù della loro capacità di trasferire un rischio da una controparte all'altra, sono normalmente utilizzate per controllare il rischio di una data transazione o quello connesso con un portafoglio di attività finanziarie.

Per approfondire il tema della valutazione delle opzioni, clicca qui

 

Mappa