Assogestioni
 

Futures

I futures sono contratti di compravendita standardizzati, in cui il momento della stipulazione del contratto è differito rispetto a quello della sua esecuzione

Un future è un contratto standardizzato per l'acquisto o la vendita di un'attività finanziaria (o di altro genere) in un determinato momento futuro.
Questi contratti sono scambiati in appositi mercati organizzati, con pagamenti di norma regolati per mezzo di un intermediario (clearing house) che provvede quotidianamente a liquidare all'una o all'altra parte la differenza fra il prezzo concordato (future price) e il prezzo rilevato in quel giorno sul mercato (spot price).

Il contratto future prevede la quantità e l'ammontare delle attività sottostanti oggetto di scambio, la valuta in cui l'attività è quotata, la data e i termini di consegna e altri dettagli tecnici. Un contratto future si estingue per consegna (in una minoranza di circostanze), per regolamento monetario o tramite l'acquisto di una posizione di copertura (cioè acquistando un contratto che compensa lo scambio precedente).

I futures sono abitualmente scambiati con due finalità: ridurre il rischio legato alle variazioni di prezzo dell'attività sottostante (hedging) e realizzare un profitto prevedendo correttamente l'andamento di un mercato (speculazione).
Esistono mercati regolamentati per contratti future su valute, moneta, obbligazioni, indici di mercato azionario, delle merci e di metalli preziosi. Il prezzo dei futures si determina per arbitraggio: il future price rappresenta il valore atteso dell'attività sottostante, scontata a un tasso free-risk.

Per approfondire il tema della valutazione dei futures, clicca qui.

 

Mappa