Assogestioni
 

Titoli obbligazionari

I titoli obbligazionari sono emessi dallo Stato o da una società, che prendono in prestito il capitale e si impegnano a restituirlo maggiorato degli interessi

Un soggetto pubblico o privato (un'impresa o un ente pubblico), possono finanziare i propri investimenti rivolgendosi al sistema bancario o direttamente al pubblico, emettendo obbligazioni. Un'obbligazione è un certificato di debito che specifica gli obblighi del debitore verso il creditore o, in parole più semplici, è un titolo di credito che stabilisce il momento nel quale il prestito verrà rimborsato e il tasso di interesse che verrà periodicamente corrisposto prima della scadenza. Chi acquista un'obbligazione presta il proprio denaro all'emittente, in cambio della promessa degli interessi e della restituzione del capitale prestato.

L'acquirente, o sottoscrittore, può tenere l'obbligazione fino a maturazione o negoziarla in una data precedente. Nel sistema finanziario mondiale circolano milioni di obbligazioni diverse: se una grande azienda, un governo nazionale o un'amministrazione locale ha bisogno di indebitarsi per finanziare la realizzazione di una nuova fabbrica, di una grande opera pubblica infrastrutturale, di una scuola, di solito lo fa emettendo un'obbligazione. Nelle pagine dei quotidiani economici, o in quelle finanziarie dei quotidiani locali si trovano i listini dei prezzi e dei tassi di interesse di alcune delle emissioni più importanti.

Le caratteristiche fondamentali dei titoli obbligazionari sono tre: la durata, il rischio di credito e il trattamento fiscale. Questi elementi definiscono il rischio del singolo titolo e sono fondamentali per la definizione del suo prezzo. Per la valutazione di un titolo di debito, oltre a queste caratteristiche, vanno considerati anche il tasso d'interesse e la vita residua. Le obbligazioni sono generalmente considerate un investimento più sicuro di quello azionario, ma questa convinzione è solo parzialmente vera. Anzi, alcune categoria di obbligazioni, possono esporre l'investitore a un rischio estremamente elevato.

La durata
La durata di un'obbligazione è il periodo di tempo che intercorre tra l'emissione e la scadenza dell'obbligazione. Alcune obbligazioni hanno una durata breve (anche di pochi mesi), mentre altre hanno una scadenza molto posticipata nel tempo.
Il tasso di interesse corrisposto da un'obbligazione dipende in parte dalla durata: le obbligazioni a lungo termine sono più rischiose di quelle a breve termine, dal momento che i titolari devono attendere più a lungo per vedersi restituire il capitale. Per compensare questo rischio, le obbligazioni di lunga durata corrispondono tassi di interesse più elevati di quelle a breve termine.

Il rischio di credito
Il rischio di credito è la probabilità che il debitore non onori gli impegni presi. L'insolvenza è chiamata in gergo default. Quando gli acquirenti di obbligazioni percepiscono un elevato rischio di insolvenza, chiedono un tasso di interesse più elevato per compensare il maggiore rischio. Poiché le pubbliche amministrazioni, nazionali o locali, vengono considerate emittenti relativamente sicuri, i titoli di Stato tendono a pagare interessi più bassi; al contrario, imprese in condizioni finanziarie precarie possono indebitarsi emettendo le cosiddette junk bond, che corrispondono tassi di interesse molto elevati. Gli investitori possono valutare il rischio di credito ricorrendo a diverse società private, come Standard & Poor's, che forniscono dati sul rischio di credito di molti titoli obbligazionari.

Il trattamento fiscale
Il trattamento fiscale è il modo in cui la normativa fiscale considera il reddito da interessi generato dal possesso di obbligazioni. L'interesse maturato sulle obbligazioni emesse da privati è reddito imponibile e il sottoscrittore dell'obbligazione deve pagare una porzione degli interessi guadagnati al fisco; al contrario, nella maggior parte dei paesi, gli interessi sui titoli emessi dalle amministrazioni pubbliche sono esenti da imposte o soggetti a un trattamento fiscale agevolato.

 

Mappa